Cuba, valorizziamo il passato per costruire il futuro

Obiettivo del progetto è di promuovere un percorso di dialogo interculturale e di creare un fondo di sostegno per gli anziani di Puerto Padre.

L’isola di Cuba, in America Latina, non può considerarsi un paese in via di sviluppo ed è caratterizzata da un modello sociale ed economico che sicuramente evidenzia degli aspetti molto positivi. Il tasso di scolarizzazione è al 99.99% e la percentuale d’investimento del Governo per il settore educativo è pari al 13% del PIL. Il tasso di disoccupazione è bassissimo e non esistono fenomeni di sfruttamento minorile, emarginazione o povertà estrema. Nonostante questo, alcune categorie vivono in condizioni di povertà. Così come persiste un’evidente difficoltà ad accettare un confronto libero e rispettoso su questioni culturali e religiose.

Descrizione del progetto a Cuba

Puerto Padre è una cittadina nella provincia di Holguín, una delle più povere del Paese.
I missionari agostiniani sono ritornati a Puerto Padre già nel 2008 ed hanno iniziato da subito a lavorare con giovani e anziani. Dopo i primi anni, grazie al sostengo della Curia Generalizia Agostiniana, e alla collaborazione con la Caritas Havana, sono riusciti a consolidare la loro presenza e a strutturare meglio il loro programma sociale.
Oggi, unitamente alla Fondazione Agostiniani nel Mondo, i missionari stanno sviluppando un programma incentrato su tre attività:

  1. Fornire gratuitamente pasti agli anziani in stato di disagio;
  2. Costruire ed equipaggiare una biblioteca e equipaggiare un salone per la formazione di programmatori informatici;
  3. Sviluppare un programma di dialogo interculturale soprattutto fra giovani, coinvolgendo anche le scuole e altre istituzioni pubbliche locali.

 

SettoreSociale
LocalitàCuba: Puerto Padre, Provincia di Holguin
Importon.a
Data InizioGiugno 2008
Data FineIn atto
FinanziatoriCuria Generalizia Agostiniana, Conferenza Episcopale Spagnola
Stato progettoAperto