Algeria

La Fondazione, insieme ai missionari in Algeria, sta sviluppando progetti a sostegno dei giovani, delle donne e dei migranti.

Gli agostiniani sono stati presenti in Algeria praticamente dalla loro nascita, essendo Sant’Agostino nato a Tagaste nel 354 d.c. Durante i terribili anni del terrorismo degli anni novanta, i frati hanno deciso di non abbandonare il Paese, nonostante il pericolo di essere uccisi, e hanno tenuta viva la loro presenza grazie ad un programma di dialogo interculturale promosso all’interno della Basilica di Ippona, dove Agostino diviene Vescovo dal 395- 430. Oggi, oltre alla costante ricerca di dialogo con i referenti della religione mussulmana, hanno potuto iniziare altri piccoli programmi sociali, che beneficiano soprattutto giovani, anziani e migranti.